Introdotto dall’Unione Europea nei propri Stati Membri con la Direttiva 87/2003/CE, il Sistema EU ETS (Emissions Trading System) rappresenta il punto di svolta nelle politiche europee volte a combattere i cambiamenti climatici, oltre a rappresentare lo strumento chiave per ridurre al minimo i costi legati alle emissioni di gas a effetto serra. Inoltre il sistema EU ETS è il mercato del carbonio più importante al mondo e rimane il più grande.

Dal 2021 è iniziato il cd. IV periodo EU-ETS, che copre un intero decennio fino al 2030, suddiviso in due sub-periodi (2021-2025, 2026-2030). Per la regolamentazione di tale periodo la Commissione Europea ha emanato i seguenti atti legislativi:

  • Regolamento 2066/2018/UE (cd. Regolamento MRR) e s.m.i, rivolto ai gestori degli impianti ricadenti nel sistema EU ETS per il monitoraggio e la comunicazione delle emissioni di gas ad effetto serra
  • Regolamento 2067/2018/UE (cd. Regolamento AVR) e s.m.i. che disciplina le attività di verifica degli enti verificatori e le regole per il loro accreditamento
  • Regolamento 331/2019/UE (cd. Regolamento FAR), rivolto ai gestori degli impianti ricadenti nel sistema EU ETS per determinate categorie di attività per l’assegnazione delle quote gratuite nei due sub-periodi valevoli per il IV periodo
  • Regolamento 1842/2019/UE (cd. Regolamento ALCR), rivolto agli stessi gestori del Regolamento FAR e che definisce le regole per l’adeguamento dell’assegnazione gratuita di quote a seguito di variazioni dei livelli di attività degli impianti

Il testo dei Regolamenti oltre ad altri documenti di interesse ed informazioni dettagliate sul funzionamento del Sistema EU ETS sono disponibili sul sito della Commissione Europea: https://ec.europa.eu/clima/eu-action/eu-emissions-trading-system-eu-ets_en.

IGQ ha ottenuto l’accreditamento dal primo recepimento della Direttiva 87/2003/CE, per offrire sin dal 2006 ai propri clienti il servizio di verifica delle comunicazioni delle emissioni di gas ad effetto serra. Successivamente IGQ ha esteso il proprio accreditamento ed è pertanto abilitato dal 2011 anche ad effettuare la verifica delle dichiarazioni per l’assegnazione di quote gratuite (cd. moduli BDR – Baseline Data Report) e per le modifiche relative a tali assegnazioni (cd. moduli ALC – Activity Level Change).

In particolare, IGQ è ente verificatore accreditato da Accredia per la verifica e convalida delle comunicazioni o dichiarazioni di gestori operanti nei settori elencati nel certificato di accreditamento.

EU/ETS

Hai bisogno di informazioni?

Mettiti in contatto con noi, ti aiuteremo il prima possibile.

Contattaci
02 6610 1348